domenica 5 novembre 2006

E' lui.


Lui è Jonathan Coe, il mio scrittore preferito.

E questo è l'ultimo suo libro che sto leggendo.
Lui mi piace perchè i suoi personaggi rivolgono continuamente i loro pensieri al passato. Un passato malinconico ma mai negativo. Lo usano, lo consumano, per prendere coscienza del presente, per rafforzare il proprio IO, razionalizzando tutti gli sforzi fatti fino a quel momento per diventare ciò che sono. I personaggi di Coe sono in continua maturazione e ne hanno sempre coscienza.Coscienti e felici di essere arriavati fino a quel punto della loro vita. Sono DEVOTI al passato che li ha fatti diventare ciò che sono.
Cavolo! Anche critica letteraria ora. Credo sia Coe che mi ispira.

23 commenti:

tackutoha ha detto...

viola non potevi scegliere libro più bello.

Fra ha detto...

Credo che la tua analisi si adatti perfettamente allo scrittore in questione.

Viola ha detto...

x Tackuthoa & Fra: Grazie mille!!Sono felice che conosciate anche voi Coe!

sonia ha detto...

Violetta...io non lo conosco:o( Non ho più tempo di conoscere nessun scrittore...solo libri destinati e programmati! :O(((((((
Non ne posso più!

Duss ha detto...

Ebbene si, devo dire che come autore piace molto anche a me!
Questo suo ultimo libro non l'ho ancora letto ma provvederò presto! :)

Devo dire che come critica letteraria sei niente male, fai venire la voglia di andarlo a comprare!

Baol ha detto...

Yes! Grande autore, mi piace molto.

MonstruM ha detto...

Mai letto niente di lui, comunque critica interessante!!!

Abbrava

fede ha detto...

CIao Vio'!
Bene, anche a me J. Coe piace molto. Ho letto diversi libri e da ultimo, in inglese, ho letto "Il club del Brocchi" (The Rotten' club) e ora sto leggendo il suo ultimo libro "The closed circle". Straconsigliati!
Effettivamente la memoria è uno dei temi centrali.
Viola come Sapegno! :)

Federico Tomassetti ha detto...

Ciao, sono finito sul tuo blog da questa pagina http://www.fotocommunity.it/pc/account/myprofile/794336,
che ho raggiunto cercando... il mio cognome, Tomassetti.
Il ramo della mia famiglia ormai risiede in Piemonte da mezzo secolo ma ogni tanto ripenso alle mie origini del centro Italia. Un saluto da Torino, passerò ogni tanto a dare un occhiata, senza disturbare troppo magari. Se ti va passa sul mio blog.

Federico

Viola ha detto...

X Sonia: Sonietta!!Devi leggere assolutamente qualcosa di Coe!Ti rapirà...Capisco pienamente quando parli di libri programmati e destinati. Però lotta per prenderti il tuo tempo...per i tuoi libri...
X Duss:Grazie Duss!! Questo libro è molto più intrigante degli altri a mio avviso. Prova e dimmi.
X Baol: Bene Baol!!!Sono felice che concordi con me!
X Monstrum:Aggrazie Monstrum! se hai tempo e se ti va...leggilo!!
X Fede:Fe',li ho letti (la banda dei brocchi e circolo chiuso)meravigliosi.. Complimenti per la tua decisione di leggerli in inglese!!Sei un grande!Sapegno sia con me!!
X federico: Fossimo parenti lontanissimi...E' veramente eccitante questa cosa.Passa quando vuoi, sei graditissimo...passerò sul tuo..

Carmen ha detto...

Mmmmm nemmeno io lo conosco come autore ... mi sa che devo provvedere ... mi piace la tua analisi e mi incuriosisce ...
Baci!!!

Marco ha detto...

Non l'ho mai letto neanche io, ma, come carmen, seguirò il consiglio!

Duss ha detto...

Buon giorno! :)

Astralla ha detto...

Se merita come dici non mancherò nemmeno io di leggerlo! :)

Whitedog ha detto...

il mio prederito rimarrà sempre Palahniuk ma quando passo in libreria mi fermerò a leggere la didascalia....promesso!
bau!

Giast ha detto...

hola viola! ...tutto bene?

Viola ha detto...

X Carmen,Astralla e Marco:Miraccomando!Leggete e ditemi...Sono curiosa dei vostri pareri...
X Duss: Buongiorno a te caro Duss!!!
X Whitedog:Ed io mi fermerò a leggere quella di un libro di Palahniuk...non ho letto nulla ma ne ho sentito parlare.
X Giast:Ma ciao Giast!!Quanto tempo..Hai ragione.Non ho avuto molto tempo per mettermi comoda davanti al pc e scriverti.Fare le cose di fretta non mi va.A presto..

Clopin ha detto...

Ciao Violetta, ne terrò conto come suggerimento ... sono sincero: non lo conoscevo!

Io, di solito, leggo solo quei libri che trovo nella immondizia sociale e tra i rifiuti delle idee del mondo, per così dire, civile.

L'ho detto a Sonia e lo dico a te: ti voglio bene (a volte si ha esigenze di dirlo, altre si avrebbe voglia di sentirselo dire).

Io ti penso
Clopin

Fabio ha detto...

Letta credo ogni riga che Coe ha scritto, e direi che il meglio resta "La famiglia Winshaw", sei d'accordo?

Anonimo ha detto...

Mai sentito, sono un po' ignorante sulla letteratura contemporanea...!

Viola ha detto...

X Clopin:Se hai volgia prova a leggerlo.Ne vale la pena.I libri che si trovano nell'immondizia sociale sono i più meritevoli...boicottiamo "il codice da vinci" e uttte le boiate che la maggior parte della gente legge.Meglio stare con la minoranza delle persone...E' bellissimo che tu mi abbia detto Ti voglio bene...è bellissimo che tu lo senta...mi serviva sentirmelo dire...Ti voglio bene anch'io...
X Fabio:D'accordissimo.Coe ha fatto una fatica tremenda a scriverlo...si è dovuto informare su un'infinità di cose...
X Mad: Se mai volessi leggere qualcosa di contemporaneo te lo consiglio.

Clopin ha detto...

Il fuoco fatuo del mio animo inquieto e irrequieto, mi porta a non vivere ed a percorrere "sentieri" improbabili. Ho scelto di condividerli.

E starò buono ... se potrò

Clopin

Anonimo ha detto...

Mitico Coe! Ho divorato a mozzichi la saga dei brocchi, mi sono perso nei pilastri dei winshaw, ho perso il sonno nella casa e anche l'amore non guasta mai...

un abbraccio