lunedì 21 settembre 2009

Dire di no?


Mi danno fastidio le persone che hanno potere. Qualche sera fa mi costringono ad andare ad una cena improvvisata. Il cibo è invitante (porchetta), la compagnia anche (qualche amico di sempre e qualche romano d.o.c.):accetto.
Una casa costruita sui mercati traianei con vasca idromassaggio che più che altro è una piscina, colonne romane vere in giro per le stanze, giardino interno, pavimenti trasparenti (anche quello che da sul bagno). Lui è il padrone di uno dei locali più frequentati del momento a Roma. Io un'attrice desiderosa di consigli. Ha la puzza sotto il naso lui. Dice che ha fatto il produttore di spettacoli teatrali per molto tempo e che è un mondo difficile quello dello spettacolo, che se non ti ci butti a capofitto e fai solo quello non riesci a concludere nulla, che se non lecchi qua e la non ottieni niente. Che un altro lavoro non lo posso fare, neanche per pagarmi l'affitto. Che la mia sarà una vita di stenti e sofferenze. Mi viene voglia di mandarlo a cagare. Io il culo me lo faccio comunque, un altro lavoro lo sto facendo e il teatro, quello sano, quello che non devi per forza leccare il culo a qualcuno lo vivo tutti i giorni.Che non importa se non riuscirò a diventare ricca come lui. Il teatro lo faccio per passione. Non me ne frega niente di avere una casa con i pavimenti trasparenti. Purtroppo c'era qualcuno lì con me che gli ha dato ascolto ed ora è impazzito.Non riesco a farlo ragionare. Voglio restare pura, come già mi sento, e fanculo a tutto il resto!Avrei dovuto dire di no alla cena.

25 commenti:

Bk ha detto...

E invece ci sei andata ed hai fatto bene. Perchè ora sai meglio cosa non ti interessa e come dev'essere la tua strada. Almeno la porchetta era buona??? :-D

Massimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Baol ha detto...

Io concordo con Bk...

Certi tipi non li sopporto proprio!!!

Ross ha detto...

Un bagno con i pavimenti trasparenti. Basta questo a capire tutto il necessario del personaggio, e ad allontanarsene il più in fretta possibile.

Avanti per la tua strada Viola!

alfie ha detto...

non bisogna leccare, mai e poi mai..erchè anche se così vinci non ti sentirai mai la vincitrice morale..io facci tearo da anni, enon ho mai leccato.. il mio posto me lo sono guadagnata da sola con fatica, corsi di teatro, di mimica, di dizione, spesso facendo solo la "donna delle luci" pur di imparare. ho 20 anni ma ne ho avute di soddisfazioni!!!! e a dicembe me ne arriverà un'altra ancora più gande..ma non è ancora del tutto sicuro quindi magari ti racconto più avanti! in bocca al lupo... non so dalle tue parti ma dalle mie, tra attori, si dice "MerdaMerdaMErda"....!!!!!!!!!!!!!!

Paolo ha detto...

Che vada a farsi fottere...scommetto che voleva impressionarti...
Viola mi sei sempre più Simpatica, sono convinto che riuscirai a realizzare ciò che desideri comunque :-))

Viola ha detto...

BK:Si, è vero. Meglio essere a conoscenza di tipi edl genere.La porchetta era buonissima.

Massimo:Guarda, non l'ho mandato a cagare solo perchè è amico di amici. Nenache sa cosa vuol dire fare teatro quello!

Baol: Amico mio di sempre. Ti volgio bene.

Ross: Un pervertito praticamente. Si si...un pazzoide con manie di onnipotenza. Mi dispiace solo che gente a cui volgio bene ci sia cascata. Grazia Ross!

Alfie: Bravissima Alfie! Continuiamo a crederci. Mi servono tipetti come te che il posto se lo sono sudato. Mi fanno ricordare perchè mi sto facendo un mazzo tanto. Fammi sapere per dicembre!!Anche da noi si dice MERDA MERDA MERDA!

PAolo:Grazie Paolo. Il mio ego ringrazia. Giuro che la prossima volta che lo vedo lo mando a cagare!

Inferno di Lego ha detto...

io credo che superata la vena viscida del soggetto, non abbia detto nulla che tu non sapessi già, in fondo non sei ingenua, molto probabilmente lo è di piu' chi ci è cascato in questo stato di grazia.
Le passioni andrebbero coltivate senza avidità, i sogni non trasformati in ossessioni. Siamo persone adulte suppongo?
p.s. sembrerò snob, ma ad una cena, passando per riccastro offro porchetta?(critica al tipo) lo stile è in disuso che dolore :)

gabri ha detto...

Penso che sia lo specchio le "velinismo" che ci circonda. Il "velinismo" non credo sia nè maschile nè femminile, nè di destra nè di sinistra.E' piuttosto il culto dell'apparire, dell'avere gli sguardi su di sè, essere ammirato, invidiato, e chissà ricco. E vanno bene anche i compromessi per ottenerlo. Peccato che in tutto questo si perde la coscienza di sé, di chi si è veramente, si perde quella cosa fuori moda che si chiama pensiero critico...Si diventa merce, merce di scambio, merce da esibire...Sono scelte del resto. baci

Massimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
MonstruM ha detto...

Mondo grandamente strano quello dello spettacolo...da quello che ho potuto vedere bisogna turarsi il naso e chiudere gli occhi...e io sono in postproduzione cinematografica, gli attori sono veramente carne da macello.
Tieni duro Violetta, sto lavoro si fa per passione e vocazione, non per altro...

un abbraccio!

Francesco ha detto...

Bentornata su questi canali, Viola!
La conoscenza di se stessi, che ci fa crescere e (auspicabilmente) migliorare... passa anche per la conoscenza ed il confronto con gli altri :-)

Anonimo ha detto...

"Lui è il padrone di uno dei locali più frequentati del momento a Roma. Io un'attrice desiderosa di consigli. Ha la puzza sotto il naso lui. Dice che ha fatto il produttore di spettacoli teatrali per molto tempo e che è un mondo difficile quello dello spettacolo, che se non ti ci butti a capofitto e fai solo quello non riesci a concludere nulla, che se non lecchi qua e la non ottieni niente. Che un altro lavoro non lo posso fare, neanche per pagarmi l'affitto. Che la mia sarà una vita di stenti e sofferenze."

A me sembra che abbia detto solo la verità: può non piacere ma è la realtà.

Massimo ha detto...
Dovevi mandarlo a cagare, ricordandogli che quasi tutto il nostro modo di fare teatro, nasce nell' antica grecia, dove a chi non poteva permettersi il "biglietto, gli venica gentilmente offerto a spese della comunità. Il suo teatro non ha niente a che fare con questo, ma forse solo voleva provarci con te. Fa'nculo tutti i produttori, i commediografi venduti al potere. Un'altro nella storia vendette qualcuno per tre soldi, si impicco' dal rimorso....

Cosa c'entra il tuo discorso sul teatro greco con quanto detto da questo "produttore"?
Solo per tua informazione: "un altro" si scrive senza l’apostrofo; le monete, nella comune versione dei vangeli, erano trenta (Cfr.Vangelo di Matteo 26,14-16).

Ciao. yantra

Viola ha detto...

Yantra....è la realtà, è vero..ma se tutti ci accomodassimo di fronte a questa cosa e la pensassimo come te:"Tanto è così, non ci si può fare niente" il sistema sarebbe una merda schifossissima e puzzolente.E' questo il mondo che "supporti"? Spero che non ci sia in giro troppa gente che si è arresa come hai fatto tu.
Un altro senza apostrofo giusto, ma perchè essere così cattivi e risentiti verso il mondo da attaccarci a queste cosettine?ci sono cose più grandi a cui pensare.Non avercela con il mondo.
BAci baci

Anonimo ha detto...

Viola, io ho scritto "A me sembra che abbia detto solo la verità: può non piacere ma è la realtà." La tua cecità ti ha spinto ad interpretare il mio commento come proveniente da una persona che si è arresa e alla quale sta bene lo schifo che ci circonda. Fatti tuoi. Ma rileggi il mio commento, ad occhi aperti possibilmente, e cerca di comprenderlo.
L'apostrofo: conoscere la nostra lingua, sapersi esprimere e scrivere correttamente non è roba da poco; non nego che ci sono problemi più grandi ma questo non è affatto piccolo, come vuoi vederlo tu.
Infine: il fatto che io non sia daccordo con te non significa che, automaticamente, io stia "dall'altra parte". Il tuo atteggiamento mi ricorda molto i commentatori e politici della guerra in Iraq: chi non era a favore della guerra era, automaticamente, un terrorista. Fa attenzione: questo significa che non si sa più discutere, che non riesci neanche ad argomentare le tue posizioni per cui o si è con te o contro di te. Auguri!
Sempre yantra

Viola ha detto...

Non dare giudizi affretati sulle persone che non conosci.Non dare giudizi su di me solo per uno scambio di battute su un blog.Non sono affatto una persona che pensa "o si è con me o contro di me". Questo di me non si può proprio dire.Lo leggo e lo rileggo ad occhi aperti il tuo commento ma tra le righe leggo solo LA TUA VERITA'.Conosco molta gente che ce l'ha fatta senza leccare il culo a nessuno. chi ha detto che quella è la VERITA' assoluta?Per molte perosne non lo è.Io faccio altri lavori e il teatro lo faccio comunque. No ho bisogno di leccare e cose grandiose ne faccio anch'io.Il mio post era un attacco alle persone come LUI che non lottano, che non si rimboccano le maniche tutti i giorni e che scelgono la via facile.Non è la mia verità quella. Mi piacerebbe conoscerti e scambiare due chiacchiere con te.Starei attenta alla grammatica ed ai verbi, ovviamente.Per l'apostrofo dicevo solo che è davvero brutto che tu entri nel mio blog e critichi l'apostrofo di un mio amico blogger.è una cosa inutile, gratuita, fatta "contro".MI fa sorridere ma abbiamo punti di vista diversi.Non la vedo GRAVE aver messo un apostrofo dove non andava.Grave è puntualizzare e farlo apposta per ferire.Non è stata una cosa carina.Grazie di essere passata/o.
AUGURI A TE!

Anonimo ha detto...

Viola, ultimo mio commento. E comincio dalla fine: io non ho scritto che è "GRAVE!" aver messo l'apostrofo dove non ci voleva, questo l'hai scritto tu; io ho scritto che non è un problema di poco conto, anche se vi sono problemi più grandi (rileggere, prego!). Scrivere che è "GRAVE" implica, a mio avviso, un giudizio, cosa che è totalmente assente nelle mie affermazioni. Invece, il giudizio, c'è nelle tue affermazioni.
Il "T-U-O" è un blog pubblico, non sono richieste password per accedervi. Chiunque può inviare commenti; ed i miei forse non sono carini, ma a me non interessa di fare cose carine; non cerco l'applauso del pubblico. Parlo chiaro, mettendo attenzione in ciò che scrivo. Non mi compiaccio di non far parte dello schifo in cui viviamo; questo schifo lo combatto con i mezzi che ho a disposizione.
Mi era sfuggito questo:
"Francesco ha detto...Bentornata su questi canali, Viola!
La conoscenza di se stessi, che ci fa crescere e (auspicabilmente) migliorare... passa anche per la conoscenza ed il confronto con gli altri :-)"
Questo è carino, come commento: brevità epigrammatica, saggezza generica che non si sbilancia; carino… tutto sommato in sintonia col blog.

Byeyantra

Viola ha detto...

Guarda, a me servono commenti come i tuoi per crescere e spero che non smetterai di farlo con commenti poco carini o carinissimi, prorpio perchè (tornando al discorso di poche righe sopra)mi piace confrontarmi e anche cambiare opinione se è giusto farlo.Non sono una tipa da O con me o contro di me.Felice di averti conosciuto.

Viola ha detto...

Monstrum:ma dove sei rifinito???

MonstruM ha detto...

Ciao Violetta...storia lunga...comunque sto riaprendo la Porta, spero a breve, visto che in questi giorni sono impegnatuccio e mi limito solo a leggere i vari blog che seguo.

Massimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Massimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ho provato a postare la mia risposta nel blog "dark side of the moon" ma non è aperto ad utenti anonimi; mi rincresce di postarla qui.

Per Massimo:
la tua presunzione è pari solo alla tua rabbia: ma entrambe sono incanalate in modo inconcludente. Se volevi commuovermi con la storiella delle levatacce per un "misero" stipendio, non ci si riuscito. In più devi ritenere di essere l'unico a lavorare duramente; per questo sei un presuntuoso. Se credi che per combattere delle battaglie basti scrivere un po' di "fa'nculo" in un blog, sei illuso e totalmente fuori strada. Tuo diritto, beninteso, e affari tuoi.
Dopo il tuo primo messaggio ho posto una domanda perché non capivo il nesso tra ciò che affermava il "produttore" e il contenuto del tuo commento. Poi mi sono limitato a evidenziare che hai scritto delle inesattezze. Come vedi non mi sono "inalberato a somma sapienza": non ti conosco e non ne faccio una questione personale.
Non commento oltre la tua "prescrizione" poetica e Rimbaud lo lascio a chi può comprenderlo.

Y

Viola ha detto...

Interessante davvero...No no...il mio post è arrivato a 23 commenti...penso non sia mai successo...ihihihi. Dai.Stop e andiamo avanti.

Massimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.