venerdì 1 dicembre 2006

Insegnamenti dei nonni...

"Non guardare solo con gli occhi, guarda anche col naso! (...)
Attento che il profumo, l'odore, è qualcosa che devi saper leggere. Per esempio, vieni qui, sotto a 'sto ciliegio: annusa lento, aspirando piano. Senti, ha un fondo appena salato...questo, invece, che è un altro ciliegio, ha un odore più dolce, quasi rotondo e più intenso dell'altro. E sai perchè? Per il fatto che il primo albero ha buttato i fiori troppo presto e s'è beccato una gelata. Quest'altro non ha avuto fretta di forire e ha evitato il guaio (...).
Del resto succede così anche fra gli uomini. Se un bambino si becca un malanno serio, prima che si riprenda ci vuol tempo, buone cure, cibo e calore e dal suo odore si può capire che non è in gran forma. (...). (
I dottori)
hanno dimenticato l'antica medicna. Sui trattati salernitani che insegnavano come si conduce una visita sul paziente, c'è scritto: 'Tasta la sua pelle e i suoi muscoli dal collo fino ai piedi, ascolta come gli circola il sangue, assaggia con le dita la pelle fino a scoprire dove è dolce, umida o dove è asseccata e soprattutto annusa, indovina l'umore, il salato, l'amaro, là dove è piacevole e dove pute'...come a dire dove puzza'. (...).
Così per le piante, le patate, i fiori o i pomodori, così come per un uomo o una donna: il suo buon odore non ti avverte soltanto che sta in salute, ma anche del suo umore. Se poi ti lancia una sberfola di profumo, significa che sta provando un'emozione, che magari tu le piaci e se tu ci stai, se senti un fremito o ti batte il cuore, stai tranquillo che allo stesso modo anche tu sprizzerai nell'aria il tuo messaggio di odore compiaciuto. (...). Ma purtroppo uno che s'innamora, guarda negli occhi la sua ragazza, s'accorge che lei pè impalidita o arrossita, che trema, che ha le mani madide di sudore per l'emozione, ma non ascolta il suo odore, non lo sente perchè abbiamo perso l'olfatto...siamo rimasti castrati di questo senso fondamentale!."

Dal libro di Dario Fo "Il paese dei Mezaràt".


9 commenti:

Duss ha detto...

Molto bello questo passaggio!

Effettivamente abbiamo perso l'uso dell'olfatto anche perché oggi c'è questa abitudine di mascherarli gli odori!

gabry ha detto...

odore di buono...è vero, si fa fatica ormai a sentire l'odore di buono!
Questa è la rovina, tutto si basa sull'immagine, ma sentire...?
Forse imparerai e imparerò anch'io a risentire quell'odore di buono che cerchi e che cerco sempre...
Un bacione Viola da Gabry

Anonimo ha detto...

Non c'è csa piu' bella di sentire un odore e collegarlo a un ricordo ... non si ha tempo per niente ormai gli unici odori che si sentono spesso sono quelli di quando si controlla se qualcosa nel frigo e' scaduto o meno :D

Francesco ha detto...

è bello quando siamo lontani dalla persona che amiamo e ci sentiamo addosso ancora il suo profumo...

Baol ha detto...

io ho sempre avuto un ottimo olfatto, ed infatti gli odori sono delle caselle importanti dei miei ricordi. Uno fra tutti, adoro l'odore dei libri nuovi, ricordo ancora con piacere il libro di storia su cui studiavo alle superiori.

fede ha detto...

... effettivamente è molto bello il passo, e metaforico, mi pare.. Non sappiamo più "sentire", avendo bisogno di esplicitare tutto,nel mondo dell'informazione. E' una perdita, certamente.

sonia ha detto...

Vorrei potermi innamorare dell'odore della pelle di un uomo...sono convinta che se dovessi incontrarne uno,del quale il suo odore mi fa impazzire, potrô restare di lui innamorata per tutta la vita.

però anche la pelle fa...eccome se fa...ma l'odore è fondamntale!

Anonimo ha detto...

Sarà che ho il raffreddore, ma ora come ora non sento proprio niente!

Anonimo ha detto...

:)))))
w dario fo
www.stefanomassa.splinder.com